News

Un allenatore perseguitato

Un allenatore perseguitato

Sabato 3 febbraio scorso Frequenze Partigiane ha parlato di calcio. Può sembrare inusuale per noi ma invece la storia che abbiamo raccontato parla di sport e razzismo, ma soprattutto parla di memoria. Ed ha ancora tanto da insegnarci.

La storia in questione ci parla di Arpad Weisz, allenatore del Bologna FC degli anni ’30. Un allenatore vincente, il più giovane a vincere uno scudetto, con l’Ambrosiana-Inter. Purtroppo per lui in quegli anni in Italia essere di origine ebraica (Weisz era un ebreo ungherese) era un crimine ed anche una persona come Weisz si vedrà costretto ad emigrare proprio in virtù delle leggi razziali.

L’epilogo della storia del grande allenatore è – come per tanti altri ebrei – quello del campo di concentramento di Auschwitz, assieme alla sua famiglia. Per raccontare questa storia ci siamo fatti aiutare da Matteo Matteucci, autore di Arpad Weisz e il littoriale (edito da Minerva) che ringraziamo per la disponibilità. Un ringraziamento anche a Gianluca Battacchi dell’associazione Percorso della memoria rossoblù, per aver portato la sua testimonianza.

Il nostro live era inserito nell’ambito delle celebrazioni per la giornata della memoria del Comune di Casalecchio di Reno ed ha visto la partecipazione della classe 4c del Liceo Leonardo Da Vinci. Nel finale potrete quindi ascoltare anche alcune domande rivolte dai ragazzi e docenti della scuola. E’ stato un dibattito interessante, anche per questo ci preme ringraziare una volta di più tutti i partecipanti.

  • 10
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    10
    Shares

Manuel Mesoraca

febbraio 5th, 2019

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.